Ciao Papà

10.00

Questo scritto è dedicato ai padri. A loro e alle loro compagne. Ai padri messi in disparte dalla rivoluzione culturale degli anni settanta, e poi riscoperti come sostituti, monchi, dell’utero materno. Ai padri, educatori distratti e spesso deleganti. Ai padri che stanno oggi cercando un nuovo modo di esercitare il loro ruolo anche grazie ad una legge che viene loro in soccorso, la legge 56, art.155 sulla genitorialità condivisa. Ai padri, insomma. A tutti quelli che lo sono già da molti anni o da poco tempo, quelli che lo diventeranno, quelli che lo sono stati e che ora sono beatamente nonni. Ai padri in crisi e a quelli sicuri di sé, se ce ne sono. Ai padri separati, a quelli in coppia, ai padri single, ai padri di andata e a quelli di ritorno. Ai padri e ai patrigni, o gli step father della cultura più agile di oltre oceano.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Ciao Papà”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *