Microsoft Word - Pedagogia 3

Beth – I nodi del passato

5 su 5 in base a 4 valutazioni del cliente
(4 recensioni dei clienti)

13.00€

Elisabetta, vola verso l’America in cerca di pace e serenità, lasciandosi alle spalle il passato.
Non immagina lontanamente quanto la sua vita verrà stravolta dall’inatteso incontro con Michael Mc Gray,
lasciandole scoprire nuove emozioni e riportando a galla i nodi del passato che tornano incessantemente ad affliggerla.

COD: 978-88-6924-169-7 Categorie: , Etichetta

4 recensioni per Beth – I nodi del passato

  1. 5 di 5

    :

    Bellissimo libro!💙💎

  2. 5 di 5

    :

    Una storia piena di amore e colpi di scena, vale davvero la pena leggerlo!

  3. 5 di 5

    :

    Beth, I nodi del passato, rappresenta un insieme di suggestioni ed emozioni, a mio avviso, che passano attraverso una narrazione fatta non soltanto di parole, ma di immagini, ed è per questo che è più immediato ed efficace, e leggendolo ci si trova piacevolmente a contatto con il fascino di un’esperienza di tipo sinestetico. Parole che rimandano al tatto, ai suoni/rumori, sapori, odori e colori. Ad esempio sono tre i colori che Maruska mi ha fatto vedere :
    – l’azzurro, che se da una parte rimanda al colore del mare e quindi al suo profumo e al rumore delle onde che si infrangono sulla scogliera, dall’altro rappresenta l’innocenza, l’ingeniuità e la purezza di Beth, la protagonista.
    – il nero, che compare a tratti, come un flash, che fa da sfondo e che torna a ricordare i nodi del passato, anche attraverso lo stampato maiuscolo che ricorre nelle pagine.
    – il rosso, che rappresenta la vita, l’amore e la passione e che serpeggia per tutte le pagine.

    Inoltre, si trovano alcuni elementi che il lettore cerca in una lettura e che sono fondamentali, quali: il piacere del racconto, che non viene dato dall’elenco delle informazioni di base che lasciano poi fluire il racconto, non c’è il fatale “c’era una volta”, ma dal “piano piano” che lascia al lettore il gusto della scoperta. un gusto che viene stimolato già dalle prime pagine che sono prepotentemente essenziali: Maruska qui infatti ha costruito il suo patto con il lettore, è qui che fa scattare la magia dettando le regole del gioco. Poi troviamo la curiosità, che viene suscitata da uno stile semplice, un linguaggio informale e piano, a volte licenzioso ma efficace, simile al parlato e quindi quotidiano, e dai dialoghi che, oltre a palesare le caratteristiche fondamentali dei personaggi, ai quali viene quindi lasciato di presentarsi da sè, aprono delle finestre sui pensieri dei personaggi e di riflesso, del lettore. Ancora la provocazione che si muove su diversi piani, che resiste per tutte le pagine e che si palesa come sfida, quasi come se Maruska chiedesse “prova a vedere se si può sostenere questa strada”. E infine, una verità attuale, un invito all’apertura, all’espressione delle proprie esperienze, seppur dure, che non chiude la storia, ma la lascia aperta a diverse possibilità, altre.

    Evelina Odorisio

  4. 5 di 5

    :

    Grazie per il bellissimo viaggio nelle emozioni!

Aggiungi una recensione