Microsoft Word - Pedagogia 3

… adè più d’un sorrisu – Le rime del mio cuore (e qualcosa in più…)

15.00€

Non è sempre facile “accostarsi” a una raccolta di poesie, specialmente se scritte in un dialetto, quello “maceratese fermano”, che potrebbe esserci assai prossimo ma anche molto distante, sia nello spazio, sia nel tempo. Questa però non è una “semplice” raccolta di poesie in dialetto o più propriamente in vernacolo, ma un vero e proprio recupero di “una storia” che altrimenti sarebbe andata perduta. Albino Graziosi ha fissato il “suo tempo”, fatto di usi, di costumi, di atmosfere, di sentimenti… in veri e propri affreschi, e l’immancabile presenza delle note che potrebbero appesantire la “facile fruibilità” della sua Opera, in realtà, aiutano a rivelarne la non sempre visibile profondità; leggono ciò che si trova nelle pieghe del tempo e cercano di ridare voce ai valori di un Mondo, di una Tradizione, di una Civiltà: la Civiltà contadina. La presente opera comprende, un’interessante raccolta di proverbi pazientemente selezionati da Albino Graziosi perché potessero, un giorno, essere tramandati, e un altrettanto interessante e particolare “Glossario”, che partendo da termini in italiano (non in dialetto, come ci si aspetterebbe) non si limita a indicare i loro corrispettivi dialettali, ma recupera nel “Mondo del Poeta” veri e propri “intrecci di senso”, fino a giungere a significati che non mancheranno di sorprenderci… Intraprendiamo dunque questo particolare “viaggio” che metterà in luce non solo i “riferimenti immediati” delle parole e delle “frasi comuni” vernacolari con le realtà quotidiane, ma soprattutto, ci farà scoprire la vera Semplicità e la vera Bellezza di un Mondo che potrebbero aiutarci a comprendere meglio i “tempi” in cui viviamo e a riflettere su tutto quello che abbiamo perso, su tutto quello che abbiamo ereditato, e soprattutto, su tutto quello che potrebbe essere recuperato per migliorare il futuro nostro e dei nostri figli.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “… adè più d’un sorrisu – Le rime del mio cuore (e qualcosa in più…)”